Anche Marshall diventa multi-room.

Il sistema wireless di Marshall trasforma la tua casa in un locale di musica dal vivo.

Era il lontano 1962 e in un piccolo negozio di Hanwell, un quartiere nella periferia di Londra, si stava per cambiare radicalmente la storia del rock, aprendo la strada al “british crunch” e alle note stridule e taglienti della Stratocaster di Jimi Hendrix. La cosa inaspettata è però che questo piccolo negozio di Uxbridge Road 76, almeno inizialmente, non era un negozio di chitarre o di amplificatori, ma un negozio di batterie che il maestro Jim Marshall decise di aprire il 7 luglio del 1960: il Jim Marshall & Son.

Secondo il racconto ufficiale dello stesso Jim e di suo figlio Terry Marshall, molti batteristi portavano nel negozio i chitarristi e i bassisti dei loro gruppi e così il giovane Jim pensò di ampliarlo con un reparto di chitarre, bassi e amplificatori.

In quel periodo i negozi di strumenti musicali erano tutti dediti al jazz o alla musica orchestrale, per cui la fama del negozio di Marshall crebbe molto rapidamente tra gli adolescenti e i ragazzi che sempre più si avvicinavano al rock.

Fu Ken Bran a suggerire a Jim di impiegare le proprie risorse nella costruzione di un proprio amplificatore. Ascoltando attentamente le esigenze dei chitarristi che entravano nel negozio e seguendo i consigli del figlio e dei suoi amici, accettò la proposta di Ken.

Tuttavia, nonostante la sua esperienza nella riparazione delle apparecchiature elettroniche, Ken non si sentiva in grado di cimentarsi da solo nella costruzione del nuovo amplificatore e chiese aiuto, nella veste di collaboratore esterno, al suo amico diciottenne Dudley Craven. Dudley era un radioamatore che lavorava come apprendista presso la EMI Electronics, noto come “Whiz kid” (fenomeno) per la sua bravura, a dispetto della sua giovanissima età, nel campo dell’elettronica e che covava già da tempo, insieme a Ken Bran, l’idea di costruire un proprio amplificatore. E’ a Dudley che dobbiamo gran parte dei meriti se i Marshall sono stati così innovativi e hanno un suono così diverso dai Fender.

L’idea infatti non era semplicemente quella di copiare un Fender, ma di migliorarlo. Il loro motto era “come un Fender, ma molto di più”. E il risultato del loro primo amplificatore fu proprio questo, il “suono Marshall” che Jim aveva in mente: più grintoso e aspro del Bassman, ma anche più ricco e dolce, un pasta sonora del tutto nuova. Un suono brillante e tagliente nel primo canale, più scuro, pieno e morbido nel secondo.

Con questo progetto ebbero subito molto successo e nella metà degli anni ’60 tutti i musicisti e le band britanniche più importanti suonavano ormai con un Marshall, con la clamorosa eccezione dei Beatles e dei Rolling Stones. E, qualche anno più tardi, anche il chitarrista più famoso di sempre, Jimi Hendrix, scelse un Marshall.

Jim fu molto colpito dall’umiltà di Hendrix quando, a differenza della maggior parte dei chitarristi londinesi che avevano la presunzione di essere “i migliori chitarristi al mondo” e che volevano quindi qualcosa in cambio per suonare con un Marshall, Hendrix volle pagare per intero la sua strumentazione.

Da allora è passato più di mezzo secolo e dopo molti successi, Marshall lancia la sua prima gamma di diffusori Wi-Fi , progettata per offrire un’esperienza di ascolto ineguagliabile per la tua casa.

Il sistema multifunzione wireless Marshall ti incoraggia a trasformare tutta la tua casa in un luogo dove, grazie ai suoi autoparlanti, ti sembrerà di ascoltare la musica dal vivo.

Gli altoparlanti assomigliano agli amplificatori iconici di Marshall in ogni dettaglio. Dalla fodera in oro e dalla struttura con la caratteristica scritta Marshall. E’ come possedere una versione più piccola di un amplificatore, solo senza l’ingresso per la chitarra elettrica.

Disponibile in tre modelli Acton, Stanmore e Woburn.

Acton è un altoparlante multifunzione compatto che produce un suono bilanciato e potente. L’Acton è perfetto per le piccole stanze e può anche essere appoggiato sui tuoi mobili.


Marshall Acton BT Bluetooth altoparlante nero

Stanmore è l’altoparlante più versatile della gamma Marshall ed è perfetto per qualsiasi stanza grande o piccola. Stanmore è un altoparlante ad alte prestazioni che offre audio pulito e preciso anche al più alto volume.


Marshall Stanmore Altoparlante Smartphone Wireless Bluetooth Speaker Attivo, Nero

Woburn è il padre della gamma. Il suo suono robusto e l’aspetto audace lo rendono il punto centrale perfetto per le stanze più grandi e le orecchie più esigenti. Woburn raggiunge con facilità sia gli alti che i bassi grazie al doppio woofer da 5,25 pollici accoppiati con 110 watt di potenza.


Marshall Woburn Altoparlante Bluetooth – Nero

Collegabile in modalità wireless con il Chromecast incorporato, Spotify Connect o AirPlay. In alternativa, si può collegare qualsiasi dispositivo audio via Bluetooth o anche collegare il tuo giradischi tramite l’ingresso RCA o jack da 3,5 mm perché non tutti sono pronti ancora per il wireless completo. Con 7 preselezioni one-touch, questi diffusori offrono accesso immediato ad artisti, album, playlist e stazioni radio.

Marshall vuole riunire i suoni all’interno della vostra casa, con un sistema multi-camera più accessibile di quanto si possa pensare.

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.