Chi muore ricco, muore in disgrazia.

Nessuno può arricchirsi senza arricchire gli altri.

Questo era il pensiero di Andrew Carnegie, imprenditore vissuto a cavallo tra il 1800 e il 1900, che ha fatto della filantropia una ragione di vita.

Fare beneficenza non vuol dire solo aiutare gli altri donando dei soldi. Certo questo è importante, ma come dice Carnegie, è da stupidi donare dei soldi se dietro non c’è un progetto.

Progetto ben chiaro alla Empowerment, un’organizzazione senza scopo di lucro con base a Detroit, che ha come missione quella di creare posti di lavoro per persone senza fissa dimora e soddisfare le esigenze dei senzatetto con il cappotto EMPWR.

Realizzato con tessuto di cordura e imbottitura termica, il cappotto EMPWR è una giacca impermeabile, che può trasformarsi in un sacco a pelo o essere indossato come borsa a spalla quando non è in uso.

Come spiega la fondatrice, Veronika Scott, il progetto è nato quando una classe al College for Creative Studies di Detroit l’ha sfidata a creare un prodotto per soddisfare una reale necessità nella sua comunità. Veronika ha preso a cuore la questione dei senzatetto e ha iniziato a passare del tempo in un vicino centro di accoglienza dove è nato il progetto per il cappotto EMPWR. Mentre conduceva la sua ricerca, Veronika è stata avvicinata da una donna senza tetto che ha dichiarato di non aver bisogno di un cappotto, aveva bisogno di un lavoro. Questo è il momento in cui ha capito come poter unire entrambe le cose.Dare un lavoro ed aiutare i senzatetto durante l’inverno.  

                                                                   

Con il programma sviluppato a Detroit, stanno creando una forza lavoro con una popolazione che molti trascurano, convinti che questo possa essere replicato anche i altre comunità, vicine e lontane.

Dal 2012, hanno fornito lavoro a 43 persone senza dimora, tutti hanno ora un alloggio assicurato per se stessi e le loro famiglie, e distribuito oltre 20.000 cappotti a persone in difficoltà tra gli Stati Uniti, Canada e diversi paesi internazionali.

Il piano di Empowerment è sostenuto prevalentemente con donazioni da parte di privati, grandi corporazioni e fondazioni. Donare un cappotto, costa 100 $ e copre i costi del lavoro, dei materiali e delle spese generali.Per sponsorizzare un cappotto da regalare a qualcuno in difficoltà, ti basterà fare una donazione tramite il sito www.empowermentplan.org.

Compilando il modulo “Richiedi un cappotto”, si può essere certi di aiutare chi è davvero in difficoltà, regalando qualcosa che avrà molto più valore per il suo destinatario di qualsiasi altro gadget avevamo progettato di acquistare per noi stessi.

Ulteriori informazioni le puoi trovare sul sito: www.empowermentplan.org

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.