Come scegliere i jeans giusti.

Jeans: quali scegliere e come indossarli?

Il denim è un tessuto versatile e resistente che è sopravvissuto per decenni come scelta pratica e resistente per l’abbigliamento più casual. Un tempo segno distintivo della working class, poi di ribellione giovanile, oggi i jeans possono essere tranquillamente integrati nel guardaroba casual chic per lui.

I Jeans sono uno dei pezzi più importanti che dovete avere nel vostro guardaroba, sono versatili e stanno bene a tutti, basta solo fare la scelta giusta!

Le T – Shirt sono alla moda di un paio di stagioni al massimo, ma i pantaloni almeno per quattro. Considerando che un paio di jeans lo puoi utilizzare tranquillamente 60 giorni all’anno per più anni, conviene non puntare al modello più economico, ma a quello che è per te più adatto e che più ti piace, per poterli sfruttare al meglio.

Ecco qualche suggerimento da tenere in mente quando si comprano i jeans. E, soprattutto, quali sono le cose che bisogna assolutamente evitare.

1) Considerare quando gli userai

Anche se i jeans si possono utilizzare in molte occasioni, è inutile dire che alcuni sono perfetti anche abbinati a scarpe eleganti e giacca, altri decisamente no!

I jeans iper-attillati sono ancora trendy. Si tratta dell’opzione perfetta per un look urbano più curato o per un concerto o una serata fuori. Ma se si tratta di una semplice gita fuori porta o un incontro al parco? I jeans più morbidi sulla gamba, in classico denim, sono probabilmente l’opzione più comoda.

2) Colore

Il colore blu originario è il più classico e quindi più versatile, ma anche quello con meno “carattere”,  conviene quindi avere una variazione sul tema nell’armadio. Per un look rock i jeans neri li si può abbinare con uno spolverino o un giubbotto in pelle e stivali.

Quelli bianchi invece sono perfetti se hanno un taglio più rilassato e morbido sulla gamba, un risvolto accennato e un paio di mocassini o sneaker basse. I dettagli (rivetti, tagli delle tasche, ecc..) anche in questo caso, fanno la differenza.

Il jeans blu scuro sono pratici perché si possono usare in ufficio, e poi uscire al volo per un aperitivo post lavoro. Occhio che questi appena perdono la brillantezza diventano “usati”, e non fashion.

Da evitare: Attenzione agli abbinamenti! A meno che non siate al mare, e anche in quel caso, il total white può risultare difficile da portare. Il temuto effetto “divisa da gelataio” è dietro l’angolo.

3) Taglio

Per prendere dei jeans che con un taglio che ti valorizzi, non basta spendere 200 euro.

Se sei alto e magro, il taglio diritto dei jeans va bene, se la gamba del pantalone è troppo larga non è indicato. Se sei magro ma bassino, evita i jeans attillati ed acquistali un filo più larghi, lo spazio extra del pantalone ti rende più muscoloso. Se sei senza sedere, prova a pensare tasche particolari che “riempiano” un po’, ad esempio con la zip o i bottoni.

Se, invece, sei muscoloso evita il pantalone troppo stretto o troppo largo; va bene se è un po’ più attillato sul sedere e parte alta delle gambe cosi da far vedere che i risultati delle tue ore in palestra. In questo caso vanno bene tasche piccole.

Se sei sovrappeso, benché ci sia da capire la definizione di sovrappeso, dei jeans larghi potranno essere quelli ideali. Non giganteschi da coprire la dimensione della gamba, ma larghi abbastanza da far vedere che esiste una gamba sotto senza però mostrare che forma abbia.

Da evitare: i tasconi applicati lateralmente, in stile militare, sia per i pantaloni corti che per i pantaloni lunghi. Gli effetti personali possono stare nelle tasche convenzionali o meglio investire in una messenger bag o in uno zainetto.

4) Strappato e rattoppato

L’ondata grunge non si è ancora arrestata e il denim maltrattato è ancora presente sulle passerelle; gli strappi sono affiancati dai jeans con toppe e applicazioni, che ricordano gli anni ‘70.

Scoloriti, tagliuzzati, con abrasioni. E’ un bel po’ di anni che vanno di moda ma ancora si possono mettere senza problemi.

Da evitare: se da un canto il jeans vissuto dà un’aria più disinvolta, meglio non esagerare con strappi e buchi. Il troppo stroppia.

5) Jeans & giacca

Il dress code da ufficio più severo e quello per le occasioni più formali non contemplano questo abbinamento. Ma una bella giacca può completare il jeans per un perfetto look casual chic. Ma quale giacca e quali jeans? Il classico jeans blu si addice a una giacca blu navy per un look di gran classe.

Da evitare: la cravatta o le sneakers! Se abbinate i jeans alla giacca avete scelto uno stile casual, la cravatta potrebbe quindi risultare un elemento fuori luogo. D’altro canto è un abbinamento curato, che verrebbe svilito da un semplice paio di scarpe da ginnastica. Se non volete rinunciare alla comodità, al massimo optate per un paio più comode, possibilmente in similpelle.

 

Dunque qual’è il jeans ideale per me?

Non esiste una risposta definitiva a questa domanda semplicemente perché ci sono tanti stili di jeans diversi e non tutti sono uguali. Le piccole differenze nella qualità del denim, nella larghezza della gamba, nello stile del taglio, nella lunghezza della gamba e una serie di altre variabili possono fare grandi differenze rispetto al modo in cui vestono su di te.

Per cui segui questi consigli e troverai sicuramente il jeans ideale per te.

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.

Immagini: Jeckerson.com