Il grande ritorno.

Non solo a dicembre.

Gli scatti provocatori di Oliviero Toscani stanno facendo il giro del web.

E’ partita da qui la nuova campagna del brand simbolo degli anni ottanta. Il famoso pino del marchio carpigiano Best Company, un marchio d’abbigliamento che ha lasciato un segno indelebile rappresentando, in quel periodo, un modo di vivere spensierato e laborioso.

Una traccia tanto inconfondibile che oggi dopo anni in cui non si sentiva più parlare come una volta di Best Company, ha deciso di riportare il marchio alla gloria di un tempo.

Una comunicazione forte, sopra le righe, come quella che da sempre ha contrassegnato il fotografo, anticonformista, provocatore e anche avanguardista. Foto in cui spiccano i capi dai colori accesi, identificativi del marchio, e un bambino ed un ragazzo, simbolo di tre generazioni diverse.

Le immagini, hanno raggiunto sicuramente il loro intento, creando curiosità nei potenziali clienti e dibattiti in chi le commenta.

Con Oliviero Toscani, arriva la svolta, per il marchio che riporta alla ribalta il pino stilizzato.

Il marchio Best Company è nato alla fine degli anni Settanta da un’idea del designer Olmes Carretti (che diede vita anche ad American System), “sposata” dall’imprenditore carpigiano Alfredo Saltini, già presidente del Carpi Calcio.

All’inizio la produzione era solo uomo, poi si è passati al prêt-à-porter per donna e bambino e al total look che comprendeva diari, quaderni, calzature, profumi.

Best Company, dopo più passaggi commerciali, venne rilanciato dalla holding milanese Fin.part, poi fallita, e dal 2002 fu acquisito dal gruppo Cisalfa.

Puoi trovare i prodotti Best Company sul sito www.cisalfasport.it.

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.