L’intimo c’è ma non si deve vedere.

Gli errori più comuni che fanno gli uomini quando indossano magliette intime.

Parlando di magliette intime, non ho mai capito perché mio nonno, abbia sempre indossato la maglietta intima quotidianamente e sopratutto senza svantaggi.

Così, incuriosito, ho fatto una piccola ricerca sui vantaggi e su come utilizzare, senza commettere errori, una maglietta intima nel migliore dei modi.

Ma qual’è la funzionalità principale della maglietta intima, o della pelle, ed i suoi vantaggi?

  • Assorbire il sudore e proteggere la camicia da eventuali macchie dovute alla sudorazione.
  • Quando fa più freddo, fornisce un ulteriore strato di protezione difendendo il corpo dagli sbalzi di temperatura.
  • Aiuta a lisciare le varie irregolarità sul busto, formate da peli e capezzoli, ed aiuta la camicia a rimanere piatta senza formare scalini del tessuto.
  • Talvolta ti tiene fresco nei mesi più caldi ed evita le macchie dei deodoranti.
  • Può essere una buona alleata per chi lavora in ambienti conservatori e abbiano parti del corpo tatuate. La maglietta della pelle può mimetizzare completamente i tatuaggi e non farli trasparire dalla camicia.
  • Mai nome fu più azzeccato: maglia della salute. Perché indossarla allontana davvero i rischi di prendersi un malanno.

Se vuoi approfittare di uno di questi vantaggi, bisogna conoscere altre caratteristiche delle magliette intime, in modo da indossarle nel modo giusto.

Il tessuto.

È sempre preferibile optare per quelle in cotone piuttosto che quelle di lana.

La lana può essere un’opzione valida dove ci sono freddi intensi, come ad esempio in montagna, tenendo presente però, che la lana quando si è sudati e si esce all’esterno, se fa molto freddo, si trasforma in una patina di ghiaccio sul vostro corpo con le conseguenze di eventuali malanni alle vie respiratorie. Quindi anche in questo caso sarebbe meglio optare per magliette “lana fuori e cotone dentro”.

I modelli.

E’ stata chiamata intima in quanto è un capo che, come le mutande, è destinata a rimanere nascosta. Con questo concetto in mente, proviamo quindi ad individuare il modello più adatto alle esigenze e, al contempo, non dimenticandoci dello stile.

Esistono tre tipi magliette intime; la canottiera, le magliette con il scollo a “V” e quelle a girocollo.

La canottiera è sicuramente al gradino più basso per quanto riguarda lo stile. E’ un po’ la pecora nera delle magliette intime, ed anche se molti attori famosi l’hanno usata nei loro film, i media e l’immaginario collettivo, hanno invece contribuito ad evocare figure un po’ inquietanti, tanto che nel 2007 a Londra è stato bandito commercializzarla ritenendola “invendibile”.

Quella a girocollo è più versatile e anche la più popolare. Questo modello svolge funzioni di maglietta intima molto meglio di altre, solitamente viene utilizzata quando si indossa la cravatta oppure sotto i maglioni. Lo svantaggio è che se dovessimo sbottonare il colletto della camicia, vederla spuntare non darebbe un aspetto ordinato e pulito.

L’alternativa a questo problema sono le magliette con lo scollo a “V”. Il suo taglio permette di sbottonare il colletto della camicia senza intravedere la maglietta intima. Se hai una folta peluria sul petto, fai attenzione a non indossarla con il colletto aperto o perlomeno prenditi cura dei peli in eccesso.

I colori.

I due colori consigliati sono il bianco e il grigio mélange.

Il bianco è il colore più utilizzato, ma il meno versatile. Crea un po’ di contrasto con la pelle, tende a trasparire maggiormente, specialmente nella parte della manica, in quanto si crea un contrasto netto tra maglietta e colore del braccio.

Il grigio mélange è molto meno visibile, specialmente sotto le camicie bianche, perché tende a fondersi più facilmente con il colore della pelle. Questo lo rende un colore altamente versatile, sopratutto se si dispone di camicie con colori chiari.

Assolutamente da evitare altri colori.

La vestibilità.

E’ importante che la maglietta sia della misura giusta, purtroppo molti uomini, non si rendono conto di questo. Se è troppo stretta, ti fa sentire a disagio tutto il giorno, se è troppo larga il tessuto in eccesso intorno alle maniche, al bordo e ai fianchi rovinerà la silhouette della migliore camicia su misura. Dovrai quindi evitare quelle squadrate e larghe, utilizzando invece, quelle più aderenti e sottili in modo da non avere inutili ingombri.

Insomma deve permetterti di respirare ma non far ammucchiare il tessuto sotto alla camicia. Con la maglietta della pelle un uomo deve sentirsi confortevole, pulito e ordinato.

Ecco un riepilogo di tutte le cose da tenere in considerazione quando si indossano le magliette intime sotto la camicia.

  1. Non mostrare mai la tua maglietta intima.
  2. Assicurati di indossarne una aderente ma non troppo.
  3. Evita di indossare quelle di colore bianco.
  4. Prediligi quelle di cotone.   
  5. Mai la canottiera.
  6. Scegli lo scollo in base all’occasione.

Devi indossare sempre la maglietta intima, proprio come mio nonno?

Caspita no, ma è bene avere una maglietta nel tuo guardaroba e sfruttare questi benefici ogni volta che ne hai bisogno. E’ un elemento che ogni uomo deve possedere, ma non è una cosa che bisogna indossare ogni singolo giorno.

Quindi? Ti ho convinto? Fammi sapere i vantaggi che hai scoperto ad indossarla.

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.