Riscoprire velocità e libertà.

Forse non cambia la vita, ma…

Alcuni uomini hanno la possibilità di farne a meno, ma per la maggior parte di noi, il portafoglio è un elemento indispensabile. Con portamonete o senza, con la possibilità di inserire le carte o meno, qualunque modello scegliamo, abbiamo tutti lo stesso problema. Al momento dell’acquisto è più fino di una sottiletta e dopo tre giorni sembra un panino con doppio hamburger.

Questo è capitato anche a me ed ogni volta che ne acquistavo uno nuovo, mi promettevo che non lo avrei mai riempito fino a farlo diventare delle dimensioni di un libro tascabile. Ma ho fallito, nonostante tutto l’impegno ci abbia messo.

Il cambio di abbigliamento che si fa quando si passa da ragazzi a uomini, ha fatto poi sorgere un’altro problema. Mentre prima, anche se molto ingombrante, un posto per il portafogli in qualche tasca lo si trovava sempre. Indossando abiti eleganti, con pantaloni un po’ più stretti e giacca, il portafogli è diventato quasi imbarazzante soprattutto nei mesi estivi. Non sai dove metterlo, nella tasca dei pantaloni è scomodo, sopratutto quando ti siedi. Nel taschino della giacca è ingombrante anche perché sembra che tu abbia un seno solo.

Insomma un portafoglio ingombrante per gli uomini è un vero problema. Oggi, secondo me, più sottile è un portafoglio e meglio è.

Nonostante i diversi tentativi falliti, circa un anno fa ho messo via il mio vecchio portafogli e l’ho sostituito con un nuovo modello fatto a mano molto, ma molto più piccolo.

Attenzione, prima mi era praticamente impossibile non rimpinzare il portafoglio fino a quando non esplodeva, ma nel frattempo è successa una cosa fondamentale, che forse molti sottovalutano: è arrivato lo smartphone. Che può tranquillamente contenere mote delle cose che prima vi dovevate tenere in tasca, a partire dalle carte magnetiche. Esistono app che consentono di archiviare tutte queste tesserine di plastica sul telefono, leggendo il loro codice a barre!

Ma non è solo questione di tecnologia, anzi: è anche e soprattutto questione di, per dirla pomposamente, un nuovo approccio mentale.

Per cui ho deciso di dargli una chance, riducendo quello che mi porto appresso a ciò che esattamente entra in questo portafoglio. Vale a dire la patente, una carta di credito, la carta d’identità (finalmente anche noi in Italia abbiamo quella formato tessera) e i contanti.

La mia scelta è ricaduta su I-Clip che ha un design concepito studiando le proporzioni delle tessere (può contenerne fino a 12) e delle banconote.

Infatti le piccole dimensioni (9 cm x 6 cm e solo 15 mm di spessore) permettono ad I-Clip di stare tranquillamente in qualsiasi tasca ed avendo gli spigoli arrotondati, di non rovinarne l’interno.

La conciatura innovativa di questo modello è stata effettuata utilizzando sostanze di origine vegetale. Il risultato è una pelle robusta e resistente ma anche incredibilmente liscia al tatto. L’effetto nero opaco dona all’I-Clip Soft Touch un’eleganza unica.

I risultati mi hanno subito entusiasmato e perdurano tuttora.

È stata una decisione che mi ha reso incredibilmente felice. D’altronde la felicità sta (anche) nelle piccole cose, nella vita, si sa.

Vi raccomando caldamente, se non lo avete già fatto, di fare ciò che ho fatto io. Non sarà una cosa che cambia la vita. Ma vi sentirete meglio. Non vi dovrete sedere mai più su un grande e scomodo vecchio portafogli. La vostra schiena vi ringrazierà!

Ulteriori informazioni potete trovarle sul sito www.i-clip.it

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia la tua opinione e metti “mi piace” sulla nostra pagina Facebook tobeuncommonman.